• HOO SOGNAA DE INTERVISTA EL SIGNOR


    E inscì te voeuret famm ona intervista.  El m'ha domandaa.

    Se te gh'hee temp. Gh'hoo risponduu.

    El Signor l'ha sorriduu.   El mè temp l'è l'Eternità. Cosa te voeuret savè?

    Se l'è che te fa pussee meraviglia di omen, de l'umanità?

    El  Signor l'ha respondu: Che ghe dà fastidi l'infanzia, gh'hann pressa de cress, e ona volta cressuu vorarissen tornà bagai. Che perden la salud per fa danee e poeu perden i danee per curà la salutt. Che per casciass de quell che sarà el doman, perden de vista quel che l'è el presente e inscì viven né el present né el doman.  Che viven come se dovessen mai morì, e moeuren come se avessen mai vivuu.

    La sua man l'ha ciappaa la mia e semm restaa in silenzi per on quai moment, poi mì gh'hoo domandaa: Signor, come papà qual'hinn i lezion che i noster fioeu gh'hann de imparà?

    Imparà che poden obbligà nissun a voregh ben, l'unica ròba che poden fa, l'è de permett che i alter ghe ne voeuren; imparà che l'è no bell fà di paragon: imparà che scior l'è no chi gh'ha de pù, ma chi gh'ha bisogn de meno;  imparà che hinn assee poch minut per ferì el coeur de chi ghe voeur ben, ma ghe voeur di ann per fa guarì sti ferid.  Imparà a perdonà, imparà che gh'è chi ghe voeur un ben de l'anima, ma sa nò come faghel capì.  Imparà che dò personn poden guardà la stessa ròba ma in dò maner divers.  Imparà che l'è nò assee vess perdonaa di alter, ma che bisogna anca perdonass numm de per numm.  IMPARÁ CHE MÌ SON CHÌ.

    El m'ha faa 'na carezza, hoo dervii i oeugg; el sogn l'era finii.

  • HO SOGNATO DI INTERVISTARE IL SIGNORE


    E così vuoi farmi in'intervista.   Mi ha domandato.

    Se hai tempo.  Gli ho risposto.

    Il Signore ha sorriso  e mi ha detto.  Il mio tempo è l'Eternità. Cosa vuoi sapere?

    Che cosa ti fa più meraviglia degli uomini, dell'umanità?

    Il Signore ha risposto: Che a lora dà fastidio l'infanzia, hanno fretta di crescere, e una volta cresciuti vorrebbero ritornare bambini. Che perdono la salute per fare soldi e poi perdono i soldi per curare la salute. Che per darsi pena di quello che sarà il domani, perdono di vista il presente e così non vivono né il presente né il domani.  Che vivono come se non dovessero mai morire, e muoiono come se non avessero mai vissuto.

    La sua mano ha preso la mia e siamo restati in silenzio per alcuni momenti, poi gli ho domandato: Signore, come papà quali sono le lezioni che i nostri figli devono imparare?

    Devono imparere che non possono obbligare nessuno a volergli bene, l'unica cosa che possono fare, è di permettere che gli altri ne vogliano a loro. Imparare che non è bello fare dei paragoni: imparare che  ricco  non è chi ha di più, ma chi ha bisogno di meno.  Imparare che sono necessari pochi minuti per ferire il cuore di chi vuole bene a loro, ma che ci vogliono degli anni per far guarire queste ferite.  Imparare a perdonare, imparare che vi è chi vuole loro un gran bene, ma non sa come farlo capire.  Imparare che due persone possono guardare la stessa cosa in due modi diversi.  Imparare che non è sufficiente essere perdonati dagli altri, ma che dobbiamo anche perdonarci da soli.  IMPARE CHE IO SONO QUI.

    Mi ha fatto una carezza, ho aperto gli occhi; il sogno era finito.     

  • Un brano che la nostra insegnante ADA LAUZI  ci aveva passato, da leggere, e tradurre, tempo fa quando ci dava delle lezioni sul dialetto milanese.