• FRAMMENT di Giovanni Barrella


    Tramonta el sô… Se pizza i primm ciaritt…

    on gatt el mola* i ong cont’al moron*,

    intanta ch’el ten d’oeucc i passaritt

    che và dent per i bûs, sul cornison…

    Fuma on camin… Compar la prima stella

    e sonna, dolz, lontan ’na campanella…

     


    L’Ave Maria!… Ven scur a pocch a pocch…

    sgoratta ona tegnola* su per ari…

    giò là in pollee, se sent a strillà i occh,

    i vecc vann per i stall a dì* ’l rosari,

    la gioventù, fognada* in di canton,

    la tacca a dass truzzad* e pizzigon.

     


    Giughee… ruzzee*… fee i martor*, antebiss*!

    L’è ’l voster temp… l’è la stagion ’dettada*:

    degh dent, fin che sij in temp a divertiss,

    poeu, vegnerà l’inverno de volada,

    e allora addio! Se fa pù i pivej*,

    quand è fioccaa sui mont e sui cavej!

     


    Gioventù!… Primavera de vitta,

    domà tì… domà tì, te tornet pù!

    Torna in sul praa a spontà la margheritta,

    torna i rondin al nid, torna ’l cucù,

    torna a vestiss de verd el mont e el pian,

    torna a cantà la ranna e el grì lontan…

     


    Torna tuttcoss, a ’sto mondasc birbon,

    come ona roeuda che la gira ohj bella

    senza fermass e senza remission…

    torna tuttcoss… l’è inscì ’l destin, ma quella

    che gh’hemm de pussee car, la gioventù,

    quella, purtropp, la torna propri pù.  

     

  • FRAMMENTI (Traduzione dell'Autore)


    Tramonta il sole… Si accendono le prime luci…

    un gatto affila le unghie sul tronco del gelso,

    mentre tiene d’occhio i passeri

    che vanno dentro per i buchi, sul cornicione…

    Fuma un camino… Compare la prima stella

    e suona dolce, in lontananza una campanella...

     

    L’Ave Maria!… si fa scuro a poco a poco…

    Volteggia in alto un pipistrello…

    giù, nel pollaio, si sentono strillare le oche,

    i vecchi vanno per le stalle a biascicare rosari,

    la gioventù, rintanata negli angoli,

    comincia a darsi spintoni e pizzicotti.

     

    Giocate...ruzzolate… fate gli sciocchi accidentelli!

    È il vostro tempo… È la stagione adatta:

    dateci sotto, finché siete in tempo, a divertirvi,

    poi, verrà l’inverno, di volata,

    e allora addio! Non si può più fare i giovincelli,

    quando è nevicato sui monti e sui capelli!

     

    Gioventù!… Primavera della vita.

    Solo tu… solo tu non ritorni!

    Torna sul prato a spuntare la margherita,

    tornano le rondini al nido, torna il cuculo,

    torna a vestirsi di verde il monte e il piano,

    torna a cantar la rana e il grillo, in lontananza…

     

    Torna tutto a questo mondaccio birbone,

    come una ruota che gira alla più bella

    senza fermarsi e senza remissione…

    Torna ogni cosa, è così il destino, ma quella

    che abbiamo di più caro, la giovinezza,

    quella, purtroppo, non torna più.

     

  • In Giovanni Barrella (nato a Milano il 30 Novembre 1884 e morto a Erba il 23 Settembre 1967.), si è trasfusa l’anima di meneghino e l’arte del Moncalvo. La sua ispirazione artistica è genuinamente milanese. Egli pensa nel dialetto del Porta, e per questo il suo linguaggio è immediato, aderente, vivente, sia quando scrive sia quando recita. Commediografo, attore, pittore, poeta vernacolo, egli si mantiene, nelle quattro diverse manifestazioni, coerente. Possiede una personalità e una originalità inimmaginabili. Milanese quando scrive, milanese quando dipinge, milanese quando recita, milanese quando ride, scherza, pensa, lavora e sogna, milanese nelle sue generosità e nei suoi orgogli, puntigli e ripicchi; milanese felice di esserlo anche se Milano non gli ha dato la soddisfazione di rinnovare, egli, in modo duraturo, le fortune del teatro milanese, per i passati allori. Leggere le sue poesie è assistere a vere rappresentazioni. Con un bel faccione aperto alla simpatia, le labbra sorridenti e gli occhi scintillanti di malizia, è milanese fino alle midolla. Il passo sicuro e svelto, la testa alta, il cappello a larghe tese, che la protegge dà al volto e alla persona un aspetto d’allegro moschettiere con la franca espressione dello sguardo. (da una prefazione di un libro di ELIGIO POSSENTI)

     

    Alcuni chiarimenti del testo: ( * )

    ...mola... affila. ...moron... gelso. ...tegnola… pipistrello. ...a dì… a biascicare. ...fognada… rintanata. ...truzzard… spintoni. ...ruzzee… ruzzolate. ...martor… sciocchi. ...antebiss… accidentelli. ...stagion’dettada… stagione adatta. ...pivej… giovincelli.