• SE NISSUN JE VOEUR... (L'è 'na preghiera )


    Tègni con Tì Signor, tègni con Tì!

    Perché fai nass

    se anmò, prima de nass, gh'hann de morì?

     

    Tègni con Tì, per lor gh'è nò doman,

    no gh'è gioia né amor,

    je soffega la vita coi sò man...

     

    Tègni vesin a Tì, mèttegh i al,

    fa nò fenì sti fioeur

    denter ona ruera d'ospedal!

     

    Derva i tò brasc e metti in d'ona serra

    fada apposta per lor

    ...hinn già staa refudaa sora sta terra...

     

    Scólta la mia preghiera: on dì l'è bell

    a vivel tutt inter,

    dai so primm lus infin al nass di stell,

     

    ma lor viven al scur... moeuren al scur...

    e hann domandaa nagott...

    o Creator de tutt'i Creatur.

     

    Fermi in del Tò penser, tègni con Tì,

    perché fai nass,

    se anmò, prima de nass, gh'hann de morì?...

  • SE NESSUNO LI VUOLE... ( Preghiera )


    Tienili con te Signore, tienili con Te!

    Perché farli nascere

    se ancora, prima di nascere, devono morire?

     

    Tienili con Te, per loro non c'è domani,

    non c'è gioia né amore,

    li soffoca la vita con le sue mani...

     

    Tienili vicino a Te, metti loro le ali,

    non fare finire questi fiori

    dentro una spazzatura d'ospedale!

     

    Apri le tue braccia e mettili in una serra

    fatta apposta per loro

    ...sono già stati rifiutati, su questa terra...

     

    Ascolta la mia preghiera: un giorno è bello

    viverlo tutto intero,

    dalle sue prime luci sino al nascere delle stelle,

     

    ma loro vivono al buio... nuoiono al buio...

    e non hanno chiesto nulla...

    o Creatore di tutte le Creature.

     

    Fermali nel tuo pensiero, tienili con Te,

    perché farli nascere,

    se ancora, prima di nascere, devono morire?

Annate di Preghiere

2024 / 2023 / 2022 / 2021

Elenco delle Preghiere dell'anno 2024

  • ADA LAUZI   Nata a Milano nel 1928, vivente (per fortuna e speriamo ancora per molto) Come lei stessa dice: innamorata della sua città… Milano, fin da piccola, orfana di madre, ricorda i Brumm, i spazzacaminn, i Gigi de la gnaccia, i Ghisa cont i barbis. Già nel 1980 diceva di lei il professor Claudio Beretta: “…Poètta se nas… la vèna de Ada Lauzi l’è genuina, la sbilza foeura, come la dis anca lee, de la soa esperienza de tosa, de dòna, de mader e anca de sabètta e l’è ona vèna “correnta, avèrta e ciara’’. El sò merit l’è quèst: che in del tribuleri d’ona generazion come la nòstra, che la sa pù doe trà ’l coo per vegninn foeura, lee la rèsta taccada a la famiglia, a la carità, a l’amor, senza tradì la soa musa, i sò  umil origin doe butten i sentiment pussee bèi. “Scrittor se diventa…’’ sabettà in poesia l’è per la nòstra Ada ona necessità natural, come ’l respir; ma l’ispirazion l’è minga assee, bisògna vèss bon de tirà foeura come se dev quèll che gh’è denter e rispettà anca la metrica. E inscì la Ada la s’è fada sù i manich, l’ha studiaa, limaa, correggiu, confrontaa cont i esempi pussee nòbil de la letteratura meneghina e el risultà l’è chi; ona serie de poesii dove el sentiment l’è tutt’una cont’el vers e con la rima in on stil sempliz e sciasser (genuino), senza scrizz (stridori). Grazie, donca, a la nostra scrittora e compliment! E speremm che la soa vena e la soa volontà vaghen avanti a insegnamm che la pas e la felicità butten semper in doe batt on coeur bon e sincer”.