• L'OMETT DI VEDER

    Ven ogni tant,là inscì in la mia agenzia,

    fornii de scala, spatola e fregon*,

    on omett adibii a la polizia

    di veder, sia de foeura che in salon;

    Martin Giussan l'è el nomm de 'sto poer crist,

    on tipo, come on alter l'hoo mai vist!

     

    L'è on veggett piscinin, tutt sciabalént*,

    zopp e mezz goeubb, brutt e scalcinaa*;

    in testa on berettin tutt vonsciscent*,

    indoss on giacchettin tutt risciaa*,

    e on para de calzon sporch e tutt lis,

    con trè o quatter gradazion de gris!

     

    In bocca gh'è restaa quattr'o cinq dent

    del color del tabacch che l'ha ciccaa*,

    tutt stort e cavernos: fann vegnì in ment

    quei di primm èsser de l'umanitaa,

    e soravia* (per compì el ritratt)

    el gh'ha on bell nas tutt lùster e scarlatt.

     

    Ma i oeucc hinn ciar e limpid, squas celest,

    e tra i rugh e i carpogn* de quella pell

    spongignenta* de barba, se ved quest:

    quaicoss che dis che se l'è minga bell,

    l'è pur on omm che sent, pensa e capiss,

    e se l'è trattaa mal, cert el patiss.

    ....................................................

     

  • L'OMETTO DEI VETRI

    Viene ogni tanto, là nella mia agenzia,

    fornito di scala, spatola e strofinaccio,

    un ometto destinato alla pulizia

    dei vetri, sia fuori che in salone;

    Martino Giussano è il nome di questo signore,

    un tipo così non l'avevo mai visto!

     

    È un vecchietto piccolino, tutto traballante,

    zoppo e mezzo gobbo, brutto e trasandato;

    in testa aveva un berettino tutto unto,

    con indosso una gicchettina tutta stropicciata,

    e un paio di calzoni sporchi e tutti consumati,

    con tre o quattro gradazioni di grigio!

     

    In bocca gli sono rimasti quattro o cinque denti

    col colore del tabacco che ha masticato,

    tutti storti e cavernosi: fan venire in mente

    quelli dei primi esseri dell'umanità,

    e per di più (per completare il ritratto)

    ha un bel naso tutto lucido e rosso vivo.

     

    Ma gli occhi sono chiari e limpidi, quasi celesti,

    e tra le rughe e il volto raggrinzito della sua pelle

    pungente di barba, si vede questo:

    qualcosa che dice che se non è bello,

    è pure un uomo che sente, pensa e capisce,

    e se è trattato male, certamente ne patisce.

    ............................................................

     

  • Un'altra poesia di GRAZIANO PASTORI  (1904 - 1969)

    Invitiamo i nostri lettori ad andare a trovare come prosegue questa bella poesia in dialetto, se interessati perché non la trovate, chiedetemela e se possibile la invierò.

    Graziano Pastori nato a Milano da genitori lombardi, era l'ultimo di otto fratelli.  Si diplomò ragioniere ed entrò poco dopo alla Banca Commerciale Italiana, a Milano.  Dopo la guerra divenne funzionario e poi direttore di un'agenzia. Ha sempre amato la poesia, sia italiana sia dialettale. Ebbe la soddisfazione di ricevere diversi premi in concorsi di poesia dialettale fra cui il premio di "Spiitualità alpina per la poesia" e anche il 1° premio Carlo Porta per "L'omett di veder" che gli valse anche la corona d'alloro e la targa d'oro con l'effige delmassimo poeta meneghino.  Fu anche insignito dell'onorificenza dell'Ordine del Cardo.

    Alcuni chiarimenti del testo:  ( * )

    ...fregon... strofinaccio   ...sciabalént...  traballante   ...scalcinaa... trasandato  ...vonciscent... untuoso, sporco di grasso   ...risciaa...  stopicciata, rugosa  ...ciccaa... masticare tabacco   ...e soravia...  al di sopra, ne ho abbastanza   ...carpogn...  butterato, raggrinzito   ...spongignenta... pungente