• Prometti e giuri col vangel in man

    de amà prima de tutt chi m'ha creaa,

    e subet dopo sto mè car Milan

    che impesa* chi anca quij ch'en parlen maa.

     

    Giuri vess grato a chi me dà el mè pan,

    de no fa mai né lit né sigurtaa,

    de classà raggià i asen, bajà i can,

    de tirà semper drizz per la mia straa.

     

    Giuri de scriv di vers fin che me par,

    de dì el mè sentiment* dove me occor

    con tutta libertaa, redond e ciar,

     

    e se manchi a sti coss, per mè castigh

    me contenti perfin del disonor

    d'on encommi* stampaa sul "Cattabrigh".

  • Prometto e giuro col vangelo in mano

    di amare prima di tutto chi mi ha creato,

    e subito dopo questa mia cara Milano

    che impecia qui anche quelli che ne parlano male.

     

    Giuro (di) essere grato a chi mi dà il mio pane,

    di non fare mai né liti né malleverie,

    di lasciare ragliare gli asini, abbaiare i cani,

    di tirare sempre diritto per la mia strada.

     

    Giuro di scrivere dei versi fin che mi pare,

    di dire il mio sentimento dove mi capita

    con tutta libertà, rotondo e chiaro,

     

    e se manco a queste cose, per mio castigo

    mi accontento perfino del disonore

    di un encomio stampato sull'Accattabrighe.

  • Queste quartine furono stampate per la prima volta dal Barbiera come redazione anteriore alla poesia per il brindisi alla Signora Lenina Milesi (Pubblicata nel Maggio 2018 su questo Notiziario), e che nella successiva redazione non solo si arricchisce di altri versi ma anche acquista in vivacità espressiva.

    Alcuni chiarimenti del testo  ( * )

    ...impesa...  fa rimanere impeciato e quindi attaccato  ...dì el mè sentiment... dire chiaramente quello che sento  ...encommi... che, stampato sull'Accattabrighe, suonerebbe per il Porta vergogna, poiché vorrebbe dire che le sue idee vanno d'accordo con quello dei compilatori del giornale.