• MADONNINA INDORADA

    Madonnina indorada del Domm,

    Te saludi invocand el tò Nomm,

    A te mandi i basitt pussé bej

    In cordada longh tucc i basej;

    Orgoglios che là inscì su per ari

    T'em portà propri nùn operari.

     

    O Madonna Operari anca Tì,

    Cont el fus a filà tutt el dì:

    Guarda giò tutta piena d'ardor

    Su de nûn tò car lavorador.

     

    Tì, Mammina, te devet sentimm,

    Cont el coeur te devet benedimm,

    Perchè nûn ai bisogn de la cà

    Podum pensach col nost'lavorà

    Podum dach ai noster fioeu

    On post degn della vita d'incoeu,

    Perchè sien d'Italia l'onor,

    Cara Madonna del Tricolor!

     

    Nûn poeu tanto ben Te voraremm,

    Mai el Tò Nomm bestemmaremm,

    Tutti i dì on'Ave Maria

    Diremm de coeur; e così sia

                               ON OPERARI

     

  • MADONNINA DORATA

    Madonnina dorata del Duomo

    Ti saluto invocando il tuo Nome,

    A Te mando i bacini più belli

    In cordata lungo tutti i gradini;

    Orgoglioso (del fatto) che lassù in alto

    Ti abbiamo portato proprio noi operai.

     

    Oh Madonna Operaia anche Tu,

    Con il fuso a filare tutto il giorno:

    Guarda giù tutta piena d'ardore

    Su di noi tuoi cari lavoratori.

     

    Tu, Mammina, ci devi ascoltare,

    Con il cuore ci devi benedire,

    Perché noi alle necessità della casa

    Possiamo pensarci con il nostro lavoro

    Possiamo dare ai nostri figli 

    Un posto degno della vita di oggi,

    Perché siano d'Italia l'Onore.

    Cara Madonna del Tricolore!

     

    Noi poi tanto bene Ti vorremo,

    Mai il tuo Nome bestemmieremo,

    Tutti i giorni un'Ave Maria

    Diremo di cuore; e così sia.

                           UN OPERAIO

  • Questa poesia, molto semplice e scritta con il cuore, è opera di un anonimo operaio che lavorava nella "Fabbrica del Duomo".

    Una nostra conoscenza, Mons. CARLO CALORI, che fra le tante cose che faceva, teneva nella sua scuola, anche un corso di "Riscopriamo il dialetto milanese". All'inizio delle sue lezioni recitava sempre questa bella Preghiera.