• Akmett con i soeu duu, no avend coracc

    de fà ona bona azion de Franzescan,

    m'han impegnaa a imprestagh mì el mè mostacc

    per cercav in sto agost la bona man.

     

    In la mia qualitaa donch de messacc,

    sciori, ve preghi de slargà la man,

    deghen giò di danee fina ch'hin sacc,

    che la sciallen anch lor, sangue d'on can.

     

    Avii de fà el vost cunt che in quant a meret

    ghe n'han che gh'è nagotta de digh sù,

    e in fin dell'ann el mennen quell preteret.

     

    In quant poeù al besogn, alla bolletta,

    Cristo Maria se pò cercà de pù,

    quand per procurador gh'hann on poetta?

  • Akmett con i suoi due, non avendo coraggio

    di fare una buona azione da Francescano,

    mi hanno impegnato a imprestargli io il mio mostaccio

    per cercarvi in questo agosto la buona mano.

     

    Nella mia qualità dunque di messaggero,

    signori, vi prego di allargare la mano,

    dàtegliene giù di danari fino a che sono sazi,

    che la scialino anche loro, sangue d'un cane.

     

    Avete da fare il vostro conto che in quanto a merito

    ce n'hanno che (non) c'è niente da ridere,

    e in capo all'anno lo menano quel sedere!

     

    In quanto poi al bisogno, alla bolletta,

    Cristo Maria si può cercare di più,

    quando per procuratore hanno un poeta?

  • Il sonetto è uno dei quattro che il Porta scrisse per sollecitare generose mance al cameriere Akmett. Il Salvioni credette di poterlo assegnare al ferragosto del 1814, l'Isella invece, trovandolo stilisticamente più immaturo, preferisce ritenerlo il primo della serie e anticiparlo al ferragosto 1813. Inoltre nel sonetto che è stato inserito nel "Teatro Notizie" numero 77 del Gennaio 2012 e che il Porta aveva scritto negli ultimi giorni del 1813,  al verso  2  vi è un  de capp: "di nuovo, nuovamente" che presuppone una precedente poesia sollecitatoria: questa appunto.

     

    Alcuni chiarimenti del testo:

    ...i soeu duu...  i due aiutanti camerieri ...Franzescan... frati questuanti per eccellenza  ...mostacc...   qui vale per "faccia tosta"     ...la bona man...    la mancia  ...in fin dell'ann...  in tutto un anno    ...mennen quell preteret...  vale per "faticare, darsi da fare" ...bolletta... scarsezza, mancanza di denari.