• AKMETT

    Akmett in tocch comè la porcellanna,

    magher comè el ritratt de nost Signor,

    strasciaa comè i strivaj d'on sfrosador,

    pestaa comè el soffà d'ona sguanguanna;

     

    pelaa dal reficciô comè ona ranna,

    pien ras de debet come on giugador,

    pussee affamaa che nè on procurador,

    sgognaa comè el marì d'ona veggianna;

     

    cusii in cà come dent in d'ona scattola,

    colla donna sul fà d'on zoffreghett

    che tacca e fa fioeu comè ona piattola:

     

    cribbi! Se lor no senten compassion,

    sta voeulta el va anca lu el pover Akmett

    a toeull in pros comè Napoleon,

     

                   giacchè la religion,

    o quella cossa che ghe disen squitta,

    l'inerbiss anca a Akmett de toeuss la vitta.

     

  • AKMETT

    Akmett in pezzi come la porcellana,

    magro come il ritratto di nostro Signore,

    stracciato come gli stivali di un contrabbandiere,

    pesto come il sofà di una sgualdrina;

     

    pelato dal subaffittuario come una rana,

    pieno raso di debiti come un giocatore,

    più affamato che non un procuratore,

    svergognato come il marito di una vecchiaccia;

     

    cucito in casa come dentro in una scatola,

    colla moglie sul fare di (simile a)uno zolfanello

    che attacca e fa figli come una piattola:

     

    cribbio! Se loro non sentono compassione,

    questa volta va anche lui il povero Akmett

    a prenderlo nel sedere come Napoleone,

     

                   giacché la religione,

    o quella cosa che chiamano squacquera,

    inibisce anche ad Akmett di togliersi la vita. 

  • Il sonetto è l'ultima, in ordine di tempo, delle cinque composizioni che il Porta scrisse per Akmett, capo cameriere della Società del Giardino, e in una stampa ha il titolo Altra stoccada de Akmett al faravost del 1815, che ci offre anche la data di composizione.

    Alcuni chiarimenti del testo:

    ...sfrosador...contrabbandiere, costretto a valicare i confini di stato nei luoghi più dirupati e a compiere lunghi percorsi  ...sguanguanna... puttana, come appare in alcune stampe   ...reficciô... subaffittuario   ...procurador... amministratore di beni e avido di guadagni più o meno leciti  ...cusii... vale per "ristretto" si dice di persone ammassate l'una all'altra in poco spazio  ...Napoleon...  che era stato appunto allora deportato a Sant'Elena  ... squitta... vale per "paura" timore.