• Rivi de Barlassina appenna adess

    dove son staa dò nocc e tutt on dì

    e de asnitt d'ogni etaa, de tucc i sess

    n'hoo vist on milla senza cuntamm mì.

     

    Eppur, per vess tanc asen e per vess

    el sò mes de incazziss e de sgarì,

    ch'eel che no eel, scior mio, resti de gess:

    vun che l'è vun no l'hoo sentii a zittì.

     

    Se nol fudess che soo coss'hin i asen,

    besti goff, incapazz de riflession,

    che no san perchè raggen, perchè tasen,

     

    podeva fors anch ess che ghe insegnass

    a sciarnì foeura on contrattemp pù bon

    de sospend i soeu vers per reposass.

    Chè mì serva là a spass

    e minga per sgonfiamm i zebedee

    de supplì ai soeu versori cont i mee.

  • Arrivo da Barlassina appena adesso

    dove sono stato due notti e tutto un giorno

    e di asinelli d'ogni età, di tutti i sessi

    ne ho visti almeno mille senza contarmi me.

     

    Eppure, per esserci tanti asini e per essere

    il loro mese di incazzirsi e di ragliare,

    che è che non è, signor mio, resto di gesso:

    uno che è uno non l'ho sentito fiatare.

     

    Se non fosse che so cosa sono gli asini,

    bestie goffe, incapaci di riflessione,

    che non sanno perché ragliano, perché tacciono,

     

    poteva forse anche essere che gli insegnassi

    a scegliere un'occasione più buona

    di sospendere i loro versi per riposarsi.

     

    Ché io ero là a spasso

    e mica per gonfiarmi gli zebedei

    da supplire ai loro versacci con i miei.

  • Da Carlo Porta “LE POESIE” Feltrinelli Editore.

    Un sotttotitolo a questo sonetto può essere Al Carlin De Peder el dì 12 Magg del 1810, che ci offre, oltre la data, anche il nome del destinatario del sonetto: l'amico Carlo De Petri di Vimercate, a cui il Porta dedicherà con alcuni versi d'accompagnamento una copia di On esempi e poi gli invierà un'epistola in lingua.

    (CHIARIMENTO: al 6° rigo si dice: ... el sò mes de incazziss... Si può chiarire che si parla del mese di maggio, detto appunto il mese degli asini, poi la parola incazzis sta per “impuntarsi” o anche “andare in amore”.)