NASCITA DI GESÚ E VISITA DI PASTOR

In chi dì là, on decrett de Céser Augùst l'ordinava che se fasess on censiment de tutta la terra. Sto primm censiment l'è staa faa quand Quirini l'era governador de la Siria. Tucc andaven a fass registrà, ciaschedun in la soa città. Anca Giusepp, che l'era de la cà e de la famiglia de David, da la città de Nazareth e da la Galilea l'è andaa sù in Giudea a la città de David, ciamada Betlemm, per fass registrà insèma a Maria, soa sposa, che l'era incinta. Ben, pròppi intanta che se trovaven in quel sit, s'hinn compii per lee i dì de partorì. L'ha mettuu al mond el sò primm, l'ha faa sù in di fass e l'ha miss giò in d'ona gruppia perchè gh'era minga de pòst per lor in la locanda. 

In quella region gh'era di pastor che de nòtt staven sù per fà la guardia al sò ròsc de pégor. On angiol del Signor el gh'è compars denanz e la glòria del Signor i ha contornaa de lus. Hann ciappaa tucc on gran stremizzi, ma l'angiol el gh'ha dii: "Gh'avii minga de stremiss, ecco ve annonzi ona gran letizia che la sarà de tutt el pòpol: incoeu in de la città de David gh'è nassuu per vialter on salvador, che l'è el Cristo Signor. Quest l'è 'l segn: trovarii on fiolin in fass dent in d'ona gruppia".  E subit, insèma a l'angiol, gh'è compars ona moltitudin de l'armada del ciel che lodaven Dio e diseven:

        "Glòria a Dio in de l'alt di ciel

        e pas su la terra ai òmen che lù el ghe voeur ben".

Appèna i angiol s'hinn slontanaa per tornà in ciel, i pastor diseven tra de lor: "Gh'emm de andà a Betrlemm, a vedè quell ch'el Signor el m'ha nonziaa".  Hinn andaa donca subit e hann trovaa Maria, Giusepp e el bambin che l'era in de la gruppia. E dòpo avell veduu, hann riferii quell che, del fiolin, l'era staa ditt a lor. Tutti quei che je scoltaven se meravigliaven a sentì quell che diseven i pastor.   Maria, per cunt sò, la tegnava tutt sti còss per lee, e la ghe pensava in del sò coeur.  Poeu i pastor hinn tornaa indree e glorificaven e lodaven Dio per tutt quell che aveven sentuu e vist, come gh'era staa dii.

NASCITA DI GESÚ E VISITA DEI PASTORI

In quei giorni un decreto di Cesare Augusto odinò che si facesse il censimento di tutta la terra. Questo primo censimento fu fatto quando era governatore della Siria, Quirino. Andavano tutti a farsi registrare, ciascuno nella sua città. Anche Giuseppe, che era della casa e della famiglia di Davide, dalla città di Nazaret e dalla Galilea salì in Giudea alla città di Davide, chiamata Betlemme, per farsi registrare insieme con Maria sua sposa, che era incinta.  Ora mentre si trovavano in quel luogo, si compirono per lei i giorni del parto. Diede alla luce il suo primogenito, lo avvolse in fasce e lo depose in una mangiatoia, perché non c'era posto per loro nell'albergo.

C'erano in quella regione alcuni pastori che vegliavano di notte facendo la guardia al loro gregge. Un angelo del Signore si presentò davanti a loro e la gloria del Signore li avvolse di luce. Essi furono presi da grande spavento, ma l'angelo disse loro: "Non temete, ecco vi annunzio una grande gioia, che sarà di tutto il popolo: oggi vi è nato nella città di Davide un salvatore, che è il Cristo Signore. Questo per voi il segno: troverete un bambino avvolto in fasce, che giace in una mangiatoia". E subito apparve con l'angelo una moltitudine dell'esercoito celeste che lodava Dio e diceva:

        "Gloria a Dio nel più alto dei cieli

        e pace in terra agli uomini che egli ama".

Appena gli angeli si furono allontanati per tornare al cielo, i pastori dicevano fra loro: "Andiamo fino a Betlemme, vediamo questo avvenimento che il Signore ci ha fatto conoscere". Andarono dunque senz'indugio e trovarono Maria e Giuseppe e il bambino, che giaceva nella mangiatoia. E dopo averlo visto, riferirono ciò che del bambino era stato detto loro. Tutti quelli che udirono, si stupirono delle cose che i pastori dicevano. Maria, da parte sua, serbava tutte queste cose meditandole nel suo cuore.

I pastori poi se ne tornarono, glorificando e lodando Dio per tutto quello che avevano udito e visto, com'era stato detto loro.

 

  • Con l'avvicinarsi del tempo di Natale, desidero suggerire il ricordo del compleanno di Gesù e leggere un brano tratto da: 

    I QUATTER VANGELI DE MATTEE, MARCH, LUCA E GIOANN 

                               in dialett milanes,

    Fatto dal Circolo Filologico Milanese, Sezion de Coltura milanesa di Milano. Un lavoro fattto da un gruppo di allievi con la direzione e revisione di C. Beretta, C. Comoletti, A. Leonardi.

    Volume che ha poi ricevuto l'Imprimatur da Arcidiocesi di Milano, Curia Atcivescovile.