Traduzione dell'Inferno di Dante

Canto VII       di Carlo Porta

 

Ara bell'Ara discesa Cornara,

el sclamè in ton de raffreddor Pluton,

ch'el fava on rabadan del trenta para.

Ma Vergilli sapient e gainon 

per confortamm el dis: Lassa magara

ch'el te diga bus negher. Gajoffon!

Te specci ai trii pessitt e ona mazzoeura

a vedè chi de nun restarà foeura.

 

Poeù el se revolta a quell brutt musellott,

e el ghe dis: Alto là lôff malarbett!

Manget el fidegh, crenna e dì nagott.

Sont chì d'orden de quell che el t'ha faa mett

foeura del Paradis tì e i toeu rabott

coj brasc de sant Michee sò mazzassett;

tant che el tò spazzament l'è fin staa assee

par digh ancamò al spazzà fà sant Michee.

..................................................................

Traduzione dell'Inferno di Dante

Canto VII          di Carlo Porta

 

Ara bell'Ara discesa Cornara,

esclamò in tono di raffreddore Plutone,

che faceva un fracasso da trenta paia.

Ma Virgilio sapiente e furbacchione

per confortarmi dice: Lascia magari

che ti dica buco nero. Gaglioffone!

Ti aspetto ai tre pesciolini e una mazzetta

per vedere chi di noi resterà fuori.

 

Poi si rivolta a quel brutto labbrone,

e gli dice: Alto là lupo maledetto!

Mangiati il fegato, schiatta e (non) dire niente.

Sono qui d'ordine di quello che ti ha fatto mettere

fuori dal Paradiso tu e i tuoi demoni

colle braccia di san Michele suo ammazzasette;

tanto che il tuo sgombero è perfino stato abbastanza

per dirgli ancora (oggi) allo sgombero "far san Michele".

.............................................................................

  • Questa traduzione del Porta è il risultato di ben 29 abbozzi e varianti delle diverse strofe, questo frammento è la traduzione dei primi 99 versi del canto VII. L'avvio, con quella buffa e incomprensibile filastrocca milanese, ha suscitato la curiosità di molti.

     

    Lasci a voi, gentili lettori, di andare a cercare come prosegue e finisce.

     

    Alcuni chiarimenti del testo:

    ...Ara bell'Ara... è la traduzione comicissima del misterioso "Papé Satàn, papé Satàn aleppe" filastrocca fanciullesca, usata dai ragazzi per giocare a mosca cieca     ...del trenta para...     "... tumulto che in alcune discussioni nasceva forse nel nostro Corpo decurionale in cui sedevano già trenta coppie di decurioni".   ...gainon... accrescitivo di gaina gallina, si dice di persona astuta e accorta    ...bus negher... l'ano     ...Gajoffon... da gaioffà intascare, divorare, quindi "ingordo".    ...musellott...    accrescitivo di musella muso sporgente    ...crenna...  da crennà  rodere il freno, crepare di sdegno e non potersi sfogare    ...spazzament... la cacciata degli angeli ribelli dal cielo  ...fà sant Michee... comunemente usata a Milano per indicare il trasloco.