Catolegh, Apostolegh e Roman,

gent che cred in del pappa e in di convent,

slarghev el coeur che l'è rivaa el moment,

hin chì i  Todisch, hin chì quij car pattan.

 

Adess sì che Milan l'è ben Milan!

Predegh, mess, indulgenz, perdon a brent;

emm d'andà in Paradis anca indorment,

anca a no aveghen voeuja meneman.

 

E senza meneman conclud nagott,

voeuja o no voeuja, tucc, no gh'è reson,

devem andà sù tucc, o crud o cott,

 

chè n'han miss tucc in stat de perfezion

col degiun, col silenzi, col trann biott

e col beato asperges del baston.

Cattoloci, Apostolici e Romani,

gente che crede nel papa e nei conventi,

allargatevi il cuore che è arrivato il momento,

sono qui i Tedeschi, sono qui quei cari bamboccioni.

 

Adesso sì che Milano è ben Milano!

Prediche, messe, indulgenze, perdoni in quantità;

abbiamo d'andare in Paradiso anche  addormentati,

anche a non avercene voglia quasi quasi.

 

E senza quasi quasi concludere nulla,

voglia o non voglia, tutti, non c'è ragione (che tenga),

dobbiamo andare su tutti, o crudi o cotti,

 

chè ci hanno messo tutti in stato di poerfezione

col digiuno, col silenzio, col ridurci nudi

e col beato aspersorio del bastone.

 

  • Ritornati gli Austriaci a Milano nell'aprile 1814 e ripiombata la città in pieno clima di restaurazione, il Porta non può trattenersi dall'ironizzare sul profluvio di funzioni religiose che si sono rovesciate in quei giorni su Milano. Il sonetto che sarà appunto dell'aprile 1814, ci è tramandato, avverte l'Isella, soltanto da una copia manoscritta di Francesco Cherubini, e fu stampato dal Carrara nel 1865.

    Alcuni chiarimenti del testo:

    ...pattan... bamboccio  ...a brent... in grande quantità  ...trann biott... spogliandoci, cioè, di ogni cosa posseduta   ...asperges... è la prima parola del versetto latino pronunciato dal sacerdote mentre, tenendo in mano l'aspersorio, spruzza l'acqua benedetta; il termine sucessivo "bastone", ne mette in evidenza tutta la capacità... di persuasione.