-->



Offerta a Dio  (La preghiera)

 

Donna Fabia Fabron de Fabrian

l'eva settada al foeugh sabet passaa

col pader Sigismond ex franzescan,

che intrattant el ghe usava la bontaa

(intrattanta, s'intend, che el ris coseva)

de scoltagh sto discors che la faseva.

 

Ora mai anca mì don Sigismond

convengo appien nella di lei paura

che sia prossima assai la fin del mond,

chè vedo cose di una tal natura,

d'una natura tal, che non ponn dars

che in un mondo assai prossim a diosfars.

 

Congiur, stupri, rapin, gent contra gent,

fellonii, uccision de Princip Regg,

violenz, avanii, sovvertiment

de troni e de moral, beffe, motteg

contro il culto, e perfin contro i natal

del primm Cardin dell'ordine social

......................................................

...................................................... 

Offerta a Dio (La preghiera)

 

Donna Fabia Fabroni di Fabriano

era seduta al fuoco sabato passato

col padre Sigismondo ex francescano,

che frattanto le usava la bontà

(frattanto, s'intende, che il riso cuoceva)

di ascoltare questo discorso che (lei) faceva.

 

Ora mai anch'io don Sigismondo

convengo appieno nella di lei paura

che sia prossima assai la fine del mondo,

ché vedo cose di una tal natura,

di una natura tale, che non possono darsi

che in un mondo assai prossimo a disfarsi.

 

Congiure, stupri, rapine, genti contro genti,

tradimenti, uccisioni di Principi Regi,

violenze, angherie, sovvertimenti

di troni e di morale, beffe, motteggi

contro il culto, e perfino contro i natali

del primo Cardine dell'ordine sociale.

..................................................

..................................................

  • Stupenda! Lascio a voi, gentili lettori, di andare a cercare come prosegue e termina. Eventualmente chiedetemela!

    Da Carlo Porta "LE POESIE" Feltrinelli Editore.

    Scritta tra il gennaio e l'aprile 1820, questa poesia a margine di una prima copia è intitolata Offerta a Dio, ma nell'edizione del Grossi compare con il titolo La preghiera. E' uno dei capolavori portiani, dove finissima arte scenica, realtà rappresentativa e gusto del linguaggio si compongono in un perfetto equilibrio. La nobile dama, che racconta al paziente ex frate la ridevole avventura di un pubblico capitombolo, la solenne entrata nel tempio, la impagabile preghiera a Gesù e infine la distribuzione di un quarto di soldo a testa ai ventun pezzenti, è dello stesso stampo della marchesa Paola: ottusa e vanagloriosa e ridicola.

    Alcuni chiarimenti del testo:

    ...Fabrian... La ricerca di comicità del Porta, nella resa fonetica del nome infatti fabrian in milanese vale anche per "deretano.

    ...Princip Regg... in una postilla a nota di una copia si ricorda l'assassinio del duca di Berry, ucciso a Parigi da un sellaio il 13 gennaio 1820; il fatto ci fa stabilire con maggior esattezza la data di composizione.