LA  COLAZION

 

Oh Don Peder! - Oh el mè Don Romuald!

Come stal? - Stoo benissim mì, e lu?

Discrettament anch mì - Sentel sto cald?

Marcadetta s'el senti! No en poss pù,

rivi adess dall'offizzi a Sant Calloss

e sont bagnaa che pari staa in d'un foss!

 

Zà donch, ch'el vegna chì se l'è sudaa,

chì chì, lontan dell'aria, el mè Don Peder.

Grazie, Lu aal giamò cioccolattaa?

Nossignor, ho tovuu on agher de zeder

cont dent on para de bescott del gerlo!

Bravo! Che tomm! La colezion del merlo!

 

Bottega... el ciccolatt... el fa bell dì,

Don Romuald, a scoeudes i caprizzi,

Lu el guadagna, lu el va de chì e de lì,

ogni tratt el pelucca on quaj offizzi;

ma mì con quella messa di des or

hoo pari a sbatt, no me capponi on borr...

..........................................................

LA  COLAZIONE

 

Oh Don Pietro! - Oh il mio (caro) Don Romualdo!

Come sta? - Sto benissimo io, e lei?

Discretamente anche io - Lo sente questo caldo?

Maledizione se lo sento! Non ne posso più,

arrivo adesso dall'ufficio a San Calogero

e sono bagnato che sembro stato in un fosso!

 

Qua dunque, che venga qui se è sudato,

qui qui, lontano dall'aria, il mio caro Don Pietro.

Grazie. Lei ha già cioccolattato?

Nossignore, ho preso un agro di cedro

con dentro un paio di biscotti della gerla!

Bravo! Che tomo! La colazione del merlo!

 

Bottega... il cioccolato... ha un bel dire,

Don Romualdo, a togliersi i capricci,

Lei guadagna, lei va di qui e di là,

ogni tanto si becca qualche ufficio;

ma io con quella messa delle dieci

ho un bel da fare a sbattere, non mi busco un soldo...

..........................................................................

  • Da Carlo Porta "LE POESIE" Feltinelli Editore

    Apparso per la prima volta nell'edizione del Grossi del 1821 con titolo La colazione, questo frammento, stilisticamente vicino a parte del Viacc de fra Condutt,  è stato assegnato dall'Isella alla stessa epoca, luglio 1816.

     

    Lasci a voi, gentili lettori, di andare a cercare come prosegue e finisce. Se interessati contattatemi!

    Alcuni chiarimenti del testo:

    ...cioccolattaa... scherzoso per "ha già bevuto la cioccolata?"   ...on agher de zeder... una cedrata.     ...bescott del gerlo...  le pagnotte portate dai garzoni nelle gerle.     ...la colezion del merlo... cioè: povera come quella di un uccello.   ...offizzi...  funzione religiosa pagata.   ...capponi... da capponà gabbare, in modo portiano vale come: buscare, beccare.